Caprice: quando Tilda Swinton, allora sconosciuta fu inghiottita da una rivista di moda.

a cura di Letizia Piredda

Un’immersione nel mondo della moda, simile alle avventure di Dorothy nel Mago di Oz.
Una ragazza, Lucky, l’allora sconosciuta Tilda Swinton, viene risucchiata dalla sua rivista di moda preferita: Caprice. Inizia un turbinio di avventure affascinanti e spaventose insieme che si concludono con la fuga precipitosa di Lucky dalle pagine della rivista. Si tratta del corto di Laurea di Joanna Hogg, regista inglese, di cui vedremo a Venezia ’79 The eternal daughter con Tilda Swinton per l’appunto. Il corto è un viaggio nel mondo pop degli anni ’80 con influenze dell’espressionismo tedesco, che fa riflettere sull’attrazione invitante e magnetica esercitata dal mondo della moda sulle ragazze, ma al contempo sulle sue catene da cui non ci si riesce più a liberare.

Il video completo è visibile su Mubi

Informazioni su Letizia Piredda 142 Articoli
Letizia Piredda ha studiato e vive a Roma, dove si è laureata in Filosofia. Da diversi anni frequenta corsi monografici di analisi di film e corsi di critica cinematografica. In parallelo ha iniziato a scrivere di cinema su Blog amatoriali.
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti